4° Rgt. Alpini Paracadutisti - Ranger

MAI STRAC - IN ADVERSA ULTRA ADVERSA

Drive-in in grigioverde a pieno ritmo

«Serve tempo per spiegare ad un cittadino straniero, nella sua lingua, che cosa stai per fare. Tempo per ripetere le cose a un anziano che non sente bene, tempo per tranquillizzare la mamma o la maestra: siamo qui per fare un servizio alla comunità ed è una comunità fatta di singoli coi quali dobbiamo sintonizzarci». Al Drive trough difesa di Roncà, il drive-in dove a fare il tampone sono infermieri dell’esercito, l’equipe in servizio si è «sintonizzata», usando le parole del capitano medico Antonio Giovinazzi, ben 6.411 volte: è questo il dato dei primi 30 giorni di operatività del punto tamponi su linea unica che, voluto dall’Ulss 9 e accolto dal Comune di Roncà agli impianti sportivi, vede impegnati i Ranger del 4° Reggimento Alpini paracadutisti, la Marina militare, la Croce rossa italiana, l’Ulss 9 e, dal 25 novembre, anche il Corpo italiano di soccorso dell’Ordine di Malta. Sono loro la traduzione veronese dell’operazione Igea con la quale la Difesa è scesa in campo per fronteggiare l’emergenza Covid-19. Il drive di Roncà è uno dei 16 Dtd approntati in Veneto che oggi, a pieno regime, «macinano» 3.500 tamponi al giorno. Partito come punto tamponi per la verifica a fine isolamento o quarantena, il Dtd di Roncà in alcune giornate ha visto il totale dei tamponi molecolari (che vengono eseguiti quando il tampone rapido è positivo) superare quello dei tamponi antigenici: il presidio della Val d’Alpone, infatti, in più occasioni si è rivelato un alleggerimento fondamentale per il Covid point dell’ospedale Fracastoro, a San Bonifacio. Sono stati messi insieme così 6.411 tamponi in 30 giorni, quasi 214 in media al giorno: 3.636 sono stati i rapidi, 2.753 i molecolari. Solo 596 rapidi, pari al 9,29%, sono stati seguiti dal molecolare perché risultati positivi. Per quanto è stato fatto sino a qui, però, dicembre pare essere in miglioramento abbassando la percentuale dei positivi all’8,8%. Partiti poco sopra i 100, il 7 dicembre si è toccato il record dei 284 tamponi giornalieri, quasi il triplo. «Merito di tutti, di questo spirito di squadra che tiene conto anche della gestione emotiva del personale: stare qui non è facile», dice Stefano Zenari, responsabile direzione amministrativa del Dipartimento prevenzione dell’Ulss 9 e referente della Scaligera per l’operazione Igea, «ma nel momento di difficoltà non ti senti mai solo». «Abbiamo voluto improntare il servizio al criterio della massima efficienza scegliendo di non diventare mai una catena di montaggio», gli fa eco il capitano Giovinazzi, che dirige il servizio sanitario dei Ranger. Per il sindaco Lorenzo Ruggeroni, invece, il segreto sta «nella versatilità e nella capacità di rispondere, volta per volta, al bisogno. Ricevo continue attestazioni di stima e apprezzamenti non solo per il servizio che si fa qui ma anche per come lo si fa». Già perché la persona è comunque al centro, che sia seduta in auto oppure al suo fianco, sull’asfalto, bardato di tuta o camice, visiera, guanti, mascherina e calzari. «Ci sono state tante manifestazioni di affetto: spesso al mattino troviamo le brioche calde», dice Zenari, «e da qui è passata anche Santa Lucia in persona». Ci sono le gioie, ma anche i drammi, «come fare il tampone a persone che vogliono andare al funerale del medico che lo aveva loro prescritto», si rabbuia il capitano Giovinazzi, «come respirare il disorientamento delle persone alle quali comunichi la positività». Si intrecciano così le storie al Dtd, come quelle di Pierfilippo e di Filippo, i due Ranger che sono stati i movieri per le prime settimane: «Li hanno sostituiti ragazzi bravissimi, ma abbiamo perso un pezzetto di famiglia», confessano al Dtd. Già, perché per loro, per queste dieci persone, il Natale sarà diverso per location ed emozioni, ma pur sempre «in famiglia». «Sarà diverso solo superficialmente, ma con la stessa felicità frutto della fraternità tra di noi e del comune impegno per la nostra gente in un momento di grande sofferenza». •

Share on facebook
Facebook
Share on google
Google+
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email
Share on print
Print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Realizzato e Gestito da:

Mar.Ord. Ruolo d’onore
Saggiorato Alessandro
Alpino Paracadutista in congedo
Created by  INFOWEB

Privacy Policy

Copyright © 2020 www.maistrac.it – All Rights Reserved.

siti internet
In classifica

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

error: Content is protected !!